Proposta per la modifica costituzionale per le tasse sui redditi dei ricchi

Votazioni del 26 settembre

Nelle votazioni del 26 settembre si è anche votato per aumentare le tasse sui redditi alle persone più ricche e quindi dire si alla proposta per la modifica costituzionale per le tasse sui redditi dei ricchi.

Questa iniziativa però è stata bocciata alle urne. Era stata proposta dai Giovani socialisti e chiedeva di aumentare le tasse sul reddito da capitale – ovvero quelle ricavate dai dividendi, dalle azioni, dagli interessi sul patrimonio e dagli affitti – dell’1,5 rispetto all’imposta sul reddito attuale.

Ueli Maurer, consigliere federale, ha affermato: “Il sistema fiscale svizzero funziona e non è necessario alcun nuovo bilanciamento”.

Il popolo ha ritenuto che le attuali tasse vadano bene e che la distribuzione della ricchezza del Paese è oggi sufficiente.

In ogni caso anche se la proposta ha avuto un no nei risultati delle votazioni del 26 settembre, i socialisti annunciano una nuova iniziativa che sarà ancora più “radicale”.

Si batteranno ancora infatti per un’equa distribuzione della ricchezza “Non è stato praticamente contestato il fatto che in Svizzera ci troviamo di fronte a un problema della distribuzione del benessere”, ha sostenuto la presidente Ronja Jansen.

La nuova iniziativa dei socialisti

La nuova iniziativa dei socialisti riguarderà le persone molto facoltose e le loro responsabilità verso l’ambiente.

La nuova proposta infatti vorrebbe “far pagare ai più ricchi la crisi climatica”. In particolare si punta a limitare i grandi patrimoni a 100 milioni di franchi e poi utilizzare il denaro rimanente per finanziare la trasformazione sia economica che sociale della società.

In generale tutte le iniziative volte ad aumentare le tasse delle persone più ricche però non hanno mai avuto neanche dal popolo svizzero un si. Già a partire dal 1922, l’elettorato aveva respinto un’iniziativa per creare un’unica imposta diretta alle persone fisiche e giuridiche che avevano più di 80’000 franchi.

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Leave a Reply

*

code