Regioni chiuse in Svizzera

Misure volte a contenere il contagio in Svizzera

A causa del diffondersi del contagio da Coronavirus il governo italiano ha preso delle misure volte a cercare di contenere il contagio e tutte le regioni in Italia sono state chiuse.

Adesso anche il Ticino lo sta seguendo a ruota e anche il resto della Svizzera con misure volte a contenere il contagio in Svizzera, e anche in molti altri stati europei, dato che è stato dichiarato dall’Oms lo stato di pandemia.

Ecco perchè oggi dobbiamo stare tutti a casa, e così fino a nuove disposizioni date dagli organi superiori governativi e sanitari.

Chiusura delle scuole

Questa mattina sono stai emanati dei provvedimenti che vedono la chiusura delle scuole anche dell’obbligo, dopo che nei giorni scorsi erano state chiuse quelle del post obbligo.

Il Consiglio di Stato però chiede alla popolazione maggiore responsabilità sopratutto dai genitori, per evitare il contatto tra bambini e giovani e sopratutto con le persone più a rischio ovvero anziani sopra i 65 anni e persone con patologie preesistenti ovvero tumore, ipertensione, diabete, malattie croniche delle vie respiratorie, malattie cardiovascolari, malattie e terapie che vanno a indebolire il sistema immunitario.

Quindi l’accudimento di bambini e ragazzi non deve essere delegato a persone vulnerabili; in auto alle famiglie, da martedì 17 marzo sarà garantito in ogni sede scolastica un servizio di accudimento per gli allievi i cui genitori non possono stare a casa.

Verranno garantiti per questi allievi anche trasporto scolastico e mensa tranne che il 19 marzo (giorno di festa).

La situazione per le imprese

E la situazione per le imprese qual è? Il governo svizzero inoltre, come ha confermato Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch, segretaria di Stato e inoltre direttrice della Segreteria di Stato dell’economia (SECO), sosterrà l’economia con un fondo di 10 miliardi di franchi.

Questi serviranno per le indennità per lavoro ridotto, per le aziende che verranno particolarmente colpite e anche per piccole e medie imprese alle prese con ristrettezze finanziarie.

Inoltre si alleggeriscono le regole per avere le le indennità di lavoro ridotto.

Il termine di tempo prima di ottenere l’indennità viene diminuito da 10 a 3 giorni. Inoltre verrà semplificata anche la procedura di richiesta.

Le frontiere sono chiuse?

Ci saranno maggiori controlli alle frontiere con i Paesi appartenenti allo spazio Schengen se la situazione lo esigesse.

Le frontiere del Ticino verso l’Italia sono chiuse, potranno passare però i cittadini svizzeri, chi ha un permesso di soggiorno e chi deve attraversare le frontiere per motivi professionali.

A seconda di come evolve la situazione però la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga ha detto che si potrà prendere in considerazione l’ipotesi di chiudere le frontiere.

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche:

 

Questo articolo ha un commento

  1. Cph Media

    Il Consiglio federale, per fronte all’epidemia da coronavirus, ha disposto la limitazione “dell’entrata in Svizzera di persone provenienti da Paesi o regioni a rischio”. Da subito possono entrare nella Confederazione dall’Italia solo i cittadini svizzeri, le persone con un permesso di soggiorno e quelle che devono venire nel nostro Paese per motivi professionali (frontalieri in particolare). Il traffico di transito e il trasporto merci non sono toccati dal provvedimento.

Lascia un commento

*

code