Vignetta svizzera online

La vignetta svizzera sarà online

Si sta facendo un passo in avanti per quel che riguarda la vignetta svizzera digitale.

Infatti anche alla maggioranza della Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale (CTT-N) piace la vignetta elettronica, che è stata votata con18 voti a 6. Il testo della nuova regolamentazione è stato già approvato a dicembre scorso dal Consiglio degli Stati con 39 voti favorevoli contro 2 contrari.

Una minoranza però è preoccupata per i costi dei conseguenti controlli che sembrano essere sproporzionati al costo della vignetta stessa.

Vignetta svizzera e dove acquistarla

gli utenti delle autostrade svizzere quindi in futuro potrebbero poter scegliere la modalità di pagamento che preferiscono per quel che riguarda le tasse autostradali, tra l’attuale vignetta autoadesiva e la vignetta digitale.

Per sapere poi la vignetta svizzera dove acquistarla, in caso si scelga quella adesiva, tutto rimane invariato come oggi, ovvero si può acquistare in dogana, agli sportelli postali, aree di servizio, distributori di benzina, officine e molti negozi.

Per acquistare invece quella digitale probabilmente in futuro sarà possibile andare su un sito preposto dalle autorità, e una volta registrati col numero di targa acquistare online la vignetta autostradale, che verrà quindi in automatico collegata alla targa della nostra auto.

Progetto legislativo

Nel progetto legislativo presentato nel 2017, si pensava all’abolizione della classica «vignetta» e a passare solo a quella elettronica. Tale proposta però è stata criticata, sopratutto per via della protezione dati.

Quindi si è deciso di mantenere anche quella adesiva. Il progetto è stato presentato il 14 agosto scorso dal Consiglio federale.

Coloro che invece vogliono pagarla via elettronica dovranno essere registrati sull’apposito sito.

Si stimano circa 4-5 milioni di franchi in costi di investimento.

La CTT-N considera la «vignetta» elettronica un’opportunità , dato che risponderebbe alle attese dei cittadini e inoltre rispetterebbe anche la protezione dei dati.

La maggioranza di CTT-N inlolte ha anche presentato una proposta perchè l’Amministrazione federale delle dogane continui a rilasciare il contrassegno adesivo anche all’estero.

Una minoranza invece vuole proporre di non entrare nel merito perché ritiene che i costi per i controlli e gli impianti previsti per il controllo sarebbero sproporzionatamente elevati.

Teme anche che la vignetta digitale sia solo un primo passo all’introduzione del mobility pricing, ovvero di un piano di finanziamento a lungo termine per le infrastrutture dei trasporti sia pubblichi che privati sia su gomma come su rotaia.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche:

La  svizzera avrà una vignetta digitale? (articolo del 8 novembre 2019)

Lascia un commento

*

code