Tassi ai minimi storici

Tassi dei mutui ai minimi storici

In questo periodo i prezzi degli immobili sono scesi e l’economia e i tassi di interesse ipotecari si sono ribassati molto, è quindi il momento migliore per chi vuole acquistare casa.

Ma quale tipologia di mutuo è meglio stipulare? A tasso fisso o variabile?

Anche in questo periodi di tassi dei mutui ai minimi storici, è tutto un fattore che dipende da tante variabili e dalle proprie esigenze personali.

Tasso fisso o tasso variabile?

Quale mutuo è meglio scegliere, quello a tasso fisso o tasso variabile? I mutui a tasso variabile sono una spesa minore rispetto a quelli a tasso fisso, però potrebbero subire un rialzo nel tempo, e quindi si deve essere in grado di poter sostenere economicamente l’aumento eventuale della rata.

I mutui a tasso fisso danno la sicurezza di avere una rata sempre uguale anche se non si ha un risparmio nel breve periodo.

Inoltre offrono tassi molto bassi per il lungo periodo e si è sicuri anche se in futuro questi potrebbero aumentare.

Oggi i tassi delle ipoteche a tasso fisso a cinque anni per la prima volta hanno una calo e toccano al ribasso una soglia dell’1%.

Quindi il mercato immobiliare è perfetto in questo momento per chi volesse investire in un immobile.

 

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

*

code