Regole per l’entrata in Svizzera

Viaggi e covid-19

Oggigiorno in molti paesi le restrizioni dovute dalla pandemia di Covid-19 sono state allentate, a volte quasi del tutto.

Quindi iniziano a esserci più viaggi anche se il Covid-19 ancora è presente con la variante Omicron-2.

Dal momento in cui è stato dato il via alle restrizioni in Svizzera, ovvero dal giorno 16 febbraio scorso, sono state eliminate quasi tutte tali restrizioni.

E’ rimasto solo l’uso della mascherina nei trasporti pubblici, negli ospedali e strutture sanitarie, e rimane l’obbligo di isolamento per le persone che sono risultate positive a un test Covid.

al lavoro tenere o meno la mascherina nei luoghi chiusi è a discrezione del datore di lavoro che però deve garantire la protezione di eventuali dipendenti particolarmente a rischio. Queste restrizioni rimangono in vigore fino al 31 marzo, poi se la situazione sanitaria lo permetterà, potrebbero essere tolte.

Entrata in Svizzera

Per l‘entrata in Svizzera non ci sono restrizioni per chi proviene da paesi Ue/Uals.

Valgono le restrizioni generali come ad esempio esibire documenti di viaggio e visto o passaporto.

I  cittadino dei paesi terzi che non devono esibire un visto potrebbero però avere con se un certificato della missione diplomatica svizzera all’estero se viaggiano in aereo.

Se durante il viaggio verso la Svizzera si deve transitare per un altro Paese, bisogna informarsi delle regole in vigore in questo paese.

Oggi non c’è nessun Paese nell’elenco degli Stati e regioni con una variante preoccupante del virus. Infatti i paesi che erano precedentemente indicati sono stati tolti dalla lista il 4 dicembre scorso.

Misure per la pandemia

Si può quindi entrare in Svizzera senza ulteriori restrizioni, tuttavia bisogna continuare a rispettare le regole e le misure per la pandemia ancora in vigore, come mantenere la distanza di sicurezza, lavarsi le mani e indossare la mascherina dove è ancora obbligatorio.

 

 

Leave a Reply

*

code