Quando la crisi del Coronavirus per certi aspetti può diventare un’opportunità di crescita economica

Quando la crisi del Coronavirus per certi aspetti può diventare un’opportunità di crescita economica

Coronavirus e boom delle vendite online

A causa dell’epidemia di coronavirus si sta assistendo a un vero boom delle vendite online, vendite che infatti sono in aumento di ben l’80% anche in Svizzera.

Questo anche per fare la spesa online di generi alimentari, e con lunghi tempi di attesa.

A quanto pare il Coronavirus ha contribuito anche a qualcosa di positivo, ovvero a aumentare questo tipo di vendite che già andava bene. Ecco che quindi nonstante il periodo negativo dal punto di vista sociale e sanitario, è possibile per molti versi dal punto di vista economico crescere in tempo di crisi con la vendita online.

In questo periodo dato che la gente deve rimanere in casa, ha più tempo e più motivi per acquistare online beni alimentari e prodotti di prima necessità come capi di vestiario e così via.

E così si assiste ad un aumento esponenziale di ordini negli e commerce.

Sembra che da fine febbraio a metà marzo si sia avuto un aumento di oltre l’80% di vendite online rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Non solo le vendite di beni primari, ma anche gli abbonamenti tv e servizio di streaming hanno un grande successo adesso, proprio perchè la gente deve occupare il tempo di permanenza in casa e quindi aumenta anche il tempo da passare davanti alla tv magari con tutta la famiglia.

La maggioranza dei commercianti svizzeri non crede agli e commerce

Ciò nonostante sembra che la maggioranza dei commercianti svizzeri non creda agli e commerce e molte piccole realtà sono contrarie alle vendite online.
Infatti il 73% dei gestori di negozi svizzeri al dettaglio pensa che vendere online sia la fine dei piccoli esercenti, e pensano anche che i loro clienti non amano comprare online.

Niente di più sbagliato, sopratutto in un momento di emergenza come questo, dove possiamo scoprire quanto sia importante investire anche per la propria attività nel settore degli e commerce.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *