Nuova lista dei paesi a rischio

Viaggiare con prudenza

Questa estate la gente ha voglia di riassaporare la libertà e molti desiderano viaggiare.

Tuttavia il corona virus non è ancora scomparso, e ci sono diversi nuovi contagi che arrivano anche dall’estero. «Circa il dieci percento è importato» ha  detto Patrick Mathys, dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), sottolineando che questo numero «va preso sul serio».

Da qui è stato imposto l’obbligo di quarantena, quindi delle nuove restrizioni anche in Svizzera, a partire dallo scorso 6 luglio, per chi arriva o per chi rientra da alcuni paesi a rischio.

Lista dei paesi a rischio

L’UFSP ha aggiornato anche oggi la lista dei paesi a rischio, che sarà valida da domani, 23 luglio.

Sono escluse stavolta la Bielorussia e la Svezia e sono stati aggiungi quindici paesi. L’elenco ora ne comprende 42.

Ecco l’elenco aggiornato a partire dal 23 luglio:

Arabia Saudita
Argentina
Armenia
Azerbaigian
Bahrein
Bolivia
Bosnia e Erzegovina
Brasile
Capo Verde
Cile
Colombia
Costa Rica
Ecuador
El Salvador
Emirati arabi uniti
Eswatini (Swasiland)
Guatemala
Honduras
Iraq
Isole Turks e Caicos
Israele
Kazakistan
Kirghizistan
Kosovo
Kuwait
Lussemburgo
Macedonia del Nord
Maldive
Messico
Moldavia
Montenegro
Oman
Panama
Perù
Qatar
Repubblica Dominicana
Russia
Serbia
Stati Uniti d’America (anche Porto Rico e Isole Vergini americane)
Sudafrica
Suriname
Territorio palestinese occupato

Obbligo della quarantena

Per coloro che avessero nel frattempo soggiornato in uno di tali paesi, vige l’obbligo della quarantena di dieci giorni e devono avvisare le autorità cantonali.

Sul sito dell’UFSP è scritto «non si tratta soltanto di una raccomandazione».

In Ticino erano 166 ieri le persone in quarantena che provenivano da paesi a rischio, e soprattutto provenienti da Serbia e Macedonia.

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

*

code