La commissione economia e tributi del Nazionale (CET-N) chiede misure meno strette

La commissione economia e tributi del Nazionale (CET-N) chiede misure meno strette al Consiglio

In attesa della conferenza di domani del Consiglio federale, la commissione economia e tributi del Nazionale (CET-N) ha fatto richiesta all’esecutivo di semplificare e accelerare gli aiuti che vengono dati alle imprese che sono in difficoltà causa coronavirus. La commissione è inoltre contraria all’obbligatorietà del telelavoro e a chiudere i negozi.

La CET-N ha chiesto infatti all’esecutivo in una lettera di sollecitare i Cantoni perchè possano semplificare i provvedimenti per i casi di rigore e inoltre perchè ci siano requisiti più semplici per accedere al sostegno.

Il tutto senza lungaggini burocratiche.

Ordinanza sui casi di rigore

La CET-N inoltre chiede che il Consiglio adegui riguardo l’ordinanza sui casi di rigore, sopratutto che le imprese con elevati costi fissi non coperti possano derogare al 60% del fatturato medio per accedere ai provvedimenti.

Chiede inoltre che i contributi non rimborsabili del fatturato medio degli ultimi due anni arrivino al 30%, e non solo al 10%.

La CET-N vorrebbe poi che non fosse imposto il telelavoro obbligatorio, ma applicato solo in funzione “dell’effettiva situazione epidemiologica e non come misura precauzionale”.
Respinge anche la chiusura dei negozi che non vendono beni di prima necessità.

Si è anche pronunciata contro la regola che vede al massimo due nuclei familiari per incontri privati e contro ulteriori provvedimenti a lavoro, in particolare contro l’obbligo generalizzato della mascherina portata all’interno.

 

Ti potrebbe interessare:

 

Leave a Reply

*

code