Il telelavoro nella fase 3

Optare per il telelavoro

Molte aziende continuano a optare per il telelavoro anche durante questa fase 3 di allentamenti dopo la pandemia di coronavirus.
infatti il telelavoro,  o ‘smart working’, nel periodo in cui tutti si era a casa per via dell’emergenza sanitaria, si è rivelato uno strumento fondamentale per potere continuare la propria attività lavorativa nonostante il blocco.

Ciò ha permesso anche agli uffici pubblici di continuare nelle varie attività amministrative e, in ogni caso si poteva mantenere il contenimento e la protezione del contagio.

Ovviamente diverse categorie di lavoratori non hanno potuto usufruire di tale opportunità per via del loro lavoro che richiedeva la presenza, come gli operatori sanitari in primis, e gli addetti alle vendite nei supermercati e i lavoratori dei trasporti ad esempio.

Restano le raccomandazioni per il telelavoro

Le aziende in questo modo hanno avuto la possibilità di testare una nuova modalità di lavoro per i propri dipendenti, scoprendone anche innumerevoli conseguenze positive.

Oggi le aziende sono libere di decidere in autonomia se fare ritornare al posto di lavoro i propri dipendenti.

Tuttavia il Consiglio federale consiglia di ricorrere ancora, dove fosse possibile, al telelavoro, anche nella fase 3, sopratutto per evitare il sovraccarico del trasporto pubblico.

Quindi restano le raccomandazioni per il telelavoro.

Inoltre devono essere protetti i dipendenti particolarmente a rischio, e il datore di lavoro è  tenuto a far lavorare da casa tale categoria di lavoratori.

Se la presenza sul posto di lavoro fosse però indispensabile, il datore di lavoro deve proteggerlo con specifici adeguamenti dei processi o della postazione di lavoro.

Il lavoro a casa con il Cloud

Grazie alla tecnologia digitale e alla condivisione dei dati in Cloud, non è stato difficile fare in modo che molti lavoratori potessero continuare a distanza la loro consueta attività.

Le aziende della Svizzera e di molti altri paesi nel mondo in questo modo non hanno fermato il proprio lavoro, dando continuità al servizio con lo smart working.

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento

*

code