Abolizione dei dazi doganali

Abolizione dei dazi in Svizzera

Le Camere federali in questi giorni hanno votato per l’abolizione dei dazi doganali tra Svizzera e paesi esteri riguardo i prodotti industriali.

Il Consiglio degli Stati ha detto si a questo progetto con 29 voti positivi, 13 negativi e 2 astensioni.

Il Consiglio nazionale lo stesso ha accettato la proposta del Consiglio con 109 voti per il si contro 82 per il no e 5 astensioni.

La riforma sui dazi doganali quindi potrebbe dunque entrare in vigore il 1° gennaio 2022,

Conseguenze fondamentali per il commercio svizzero

Questo progetto, se nel frattempo, dopo i termini di legge previsti, non venisse bloccato da un referendum, avrà due conseguenze fondamentali per il commercio svizzero:

La prima è la riduzione di voci doganali da 6.172 a 4.592 e questo semplificherà di molto la classificazione dei vari prodotti;

la seconda è appunto l’eliminazione dei dazi doganali per tantissimi prodotti industriali.

La semplificazione di voci doganali per poter arrivare ad azzerare i dazi delle importazioni, produrrà delle procedure di conformità e  importazione meno complicate e lunghe di oggi.

Questa concerne quasi tutti i prodotti tranne alcuni prodotti agricoli di produzione industriale.

Vantaggi dall’eliminazione dei dazi

Per quanto riguarda i vantaggi dell’eliminazione dei dazi doganali, le aziende svizzere avranno degli sgravi finanziari per le importazioni e quindi spenderanno meno. La riduzione per le spese di approvvigionamento delle aziende migliorerebbero le relazioni commerciali e aumenterebbero la competitività e la capacità d’innovazione delle stesse aziende svizzere.

In secondo luogo la Svizzera potrà offrire prodotti a costi meno elevati di oggi ai consumatori,

La Confederazione tiene conto di questa misura in progetto, che a medio e a lungo termine porterà anche ad un aumento del PIL svizzero per ben 860 milioni di franchi annui.

Con l’abolizione dei dazi doganali dei prodotti industriali, miglioreranno le condizioni economiche e finanziarie delle aziende svizzere e quindi in questo momento di crisi la piazza economica svizzera si rafforzerà.

Leave a Reply

*

code